*frivolezze*

Romantici v/s Cinici

cinismo.jpg

 

Il romanticismo è spesso oggetto di scherno da parte di chi si compiace di definirsi cinico. Un abuso terminologico molto diffuso che mi fa venire il vomito. Possibile che non sia ovvio per tutti che cinismo e romanticismo non sono nemici irriducibili, ma rari e preziosi complici? Di solito chi si dichiara cinico è in realtà una pessimista che cerca di darsi un tono. Questi balordi sostengono che l’amore non esiste,negando l’evidenza,cosa che un autentico cinico non farebbe mai. E infatti persino Einstein, che non era proprio un che le sparava a casaccio, si è arreso pubblicamente all’esistenza dell’amore,da lui stesso definito impossibile eppure innegabile.

images (2)

Il cinismo non è disprezzo per l’intangibile,ma amor del vero. AMORE del vero.Il cinico autentico è il più genuino dei romantici, perchè la soglia oltre la quale qualcosa è romantico per un cinico è solo molto più alta e difficile da oltrepassare che per chiunque altro. Datemi un vero cinico e mi farò sua  schiava. Ma questo cinismo farlocco,questa avversione al sentimento, arriva in seguito a una delusione d’amore come nei film o sopraggiunge ad un certo punto con l’età? Che poi è fin troppo facile fare i superiori con il sentimento altrui visto che una delle cose più belle dell’amore è proprio questo essere un pò sciocchi, questo perdere il controllo di tutto e lasciarsi andare,inebetirsi sono al pensiero di un momento magico e inspiegabile appena vissuto.E non è certo un caso se i termini “stupore” e “stupido” condividono la stessa radice etimologica:in amore siamo tutti un pò stupidi,nel senso che siamo sopraffatti dallo stupore continui per una magia che non sappiamo spiegare nè capire, ma che indiscutibilmente ci scuote anima e corpo.

Sia chiaro che quando parlo di romanticismo non mi riferisco al mazzo di fiori comprato al semaforo o ai baci perugina con gli aforismi di San Valentino,ma a qualcosa che non è possibile programmare. Sto parlando dell’essere sorpresi dal caso, in due. 

cose-da-non-fare-a-letto-andare-subito-al-dunque

Del meravigliare l’altro in un attimo e in un modo che solo noi avremmo potuto cogliere ,e viceversa, innescando una reazione di corrispondenza a catena che prima o poi certo finirà, ma che finchè dura non c’è niente di meglio.

LadyD.

Annunci

One thought on “Romantici v/s Cinici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...